Cosa bolle in pentola?

Anche in questa occasione parliamo di un’amica, Carla Latini, produttrice di un’ottima pasta artigianale in quel di Osimo, nelle Marche. Insieme al marito Carlo, questa intraprendente signora multitasking produce una pasta artigianale con grani italiani, ma non solo, tiene anche un blog molto interessante e partecipa a trasmissioni radiofoniche, oltre a promuovere la sua pasta ovunque!

I Trucioli di Gualtiero Marchesi sono a mio parere il formato più riuscito, riescono a raccogliere qualsiasi sugo ed esaltarlo, allora quale miglior modo per gustare questo pesto trapanese?

Il Fiore Sardo è un formaggio a pasta dura di latte di pecora. La sua caratteristica è che viene lasciato stagionare vicino ad un fuoco di legna, che dà il colore caratteristico ed il gusto leggermente affumicato. Dopo questo primo trattamento viene stagionato per minimo 105 giorni, secondo il disciplinare del Consorzio.

E l’olio extravergine? L’orcetto è chiaramente riconoscibile dagli esperti, si tratta dell’olio di olive peranzana e coratina dell’Antico Frantoio Muraglia di Trani, che ha vinto un importante premio nel 2017 e che mia nuora e mio figlio hanno scelto di regalare agli ospiti del loro matrimonio.

Ingredienti per 4 persone: 4 pomodori ramati, un mazzetto di basilico, uno spicchietto d’aglio, 70 g di mandorle sgusciate, 70 g di pecorino Fiore Sardo, olio extravergine di oliva, sale, pepe nero in grani.

Sbollentare i pomodori dopo aver praticato un taglio a croce su un lato della buccia. Lasciare sobbollire per un paio di minuti, poi estrarli col ramaiolo e lasciar intiepidire prima di spellarli e tagliarli a cubetti, eliminando anche i semi. Inserire mandorle ed aglio nel bicchiere del frullatore e far andare alla massimo, poi unire anche il pecorino Fiore Sardo. Alla fina unire anche il basilico e i pomodori a cubetti e tenere da parte. Condire con 50 g di olio extravergine di ottima qualità e una generosa macinata di pepe nero.

Mescolare alla pasta senza saltare in padella, visto che si tratta di una salsa a crudo e servire!

Enjoy!!

Trucioli di Gualtiero Marchesi con pesto trapanese e olio extravergine del Frantoio Muraglia di Trani

Trucioli di Gualtiero Marchesi con pesto trapanese e olio extravergine del Frantoio Muraglia di Trani

Testaroli con ragù di moscardini
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.