Involtini di radicchio e speck

Involtini di radicchio e speck

Ingredienti per 4 persone: 4 cespi di radicchio precoce di Treviso (quello con le foglie larghe), 4 fette di speck o di pancetta affumicata tagliate sottili, olio extra vergine di oliva, 1 cucchiaino di zucchero sale e pepe macinato al momento.

Scegliere con cura i cespi di radicchio, che non devono essere troppo grossi, altrimenti tagliarli a metà per il lungo. Mondarli eliminando le foglie esterne rovinate, lavarlo velocemente e asciugarlo con cura. Ungere d’olio extra vergine una padella antiaderente, unire lo zucchero e farlo leggermente caramellare, disporvi i cespi e farli rosolare da tutti i lati. Una volta ammorbiditi (basteranno 5-6 minuti in totale), estrarli dalla padella e lasciarli leggermente raffreddare. Disporre le fette di speck sul tagliere ed arrotolarle intorno a ciascun cespo piegato a metà per il lungo, rimetterle nella padella e rigirare per scottare lo speck tutto intorno all’involtino. Servire caldo come antipasto o per accompagnare carni arrostite.

Ovviamente è possibile utilizzare anche il radicchio tardivo di Treviso, con le foglie strette, che inizia a dicembre, molto più dolce: in questo caso, evitare l’aggiunta di zucchero!

Gulasch (Gulyás di manzo all’ungherese)
Risotto alla zucca con porcini
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.

Cosa abbiamo messo in tavola?

Invia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current ye@r *