Cosa bolle in pentola?

Ingredienti:300 g di tonno rosso (chiaro), 2 cucchiai di capperi di Pantelleria sottosale, il succo di un’arancia, un cucchiaio di bacche rosa, 15 g di erba cipollina, un pizzico di peperoncino tritato, olio extravergine di oliva, prezzemolo tritato, sale aromatizzato con arancia e ginger dello chef Enrico Fiorentini.

Mettere il tonno in freezer per almeno 24 ore, per poterlo mangiare crudo. Un’ora prima di servire, tritare a coltello i capperi dissalati, le bacche rosa, l’erba cipollina e qualche fogliolina di prezzemolo. Spremere l’arancia e mescolare il tutto in una ciotola. Col pesta carne o con un macinino, tritare il sale aromatizzato e metterne un cucchiaino scarso insieme agli altri ingredienti. Tagliare il tonno a fettine sottili dopo averlo tamponato con carta casa, poi anche nell’altro senso e continuare a tritarlo con un coltello molto affilato. Aggiungere anche questo nella ciotola e mescolare accuratamente. Aggiungere peperoncino in polvere a piacere, qualche cucchiaiata d’olio extravergine (l’ideale sarebbe un olio siciliano di Ribera, dove crescono le migliori arance di Sicilia) e aggiustare col sale aromatizzato. Riporre in frigo fino al momento di servire per amalgamare i sapori ed utilizzare un coppa pasta tondo o quadrato, più o meno grande, per dare una forma regolare. La dose è suggerita per 4 persone come antipasto o 2 come piatto unico o secondo. Servire decorando con pomodorini o una papaccella ripiena.

Cake integrale alle zucchine e pecorino
Gemelli “Le Gemme del Vesuvio” con pesto alla pantesca
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.