Cosa bolle in pentola?

Continua la nostra sperimentazione con le cime di rapa: dopo il risotto e gli Spätzle ecco che arrivano i ravioli, ma abbiamo in mente ancora altre proposte! Appassionata di colatura di alici, l’ho inserita anche qui, contravvenendo alla tradizione pugliese che al massimo prevede delle acciughe. Ma, come dico sempre ai miei allievi, la cucina è fantasia e contaminazione, e ciascuno è libero di interpretare le ricette a suo piacimento!

Spero che il mio consuocero apprezzi, li assaggerà presto!

Ingredienti per 4 persone: 300 g di farina 00 e 3 uova intere, qualche cucchiaio d’olio extravergine di oliva, un pizzico di sale; 150 g di ricotta vaccina, 150 g di foglie di cime di rapa, 50 g di Pecorino Romano DOP grattugiato, un cucchiaio di colatura di alici, due spicchietti d’aglio, sale e pepe macinato al momento; per condire: cimette, aglio, peperoncino, 3-4 filetti di acciuga sottosale, colatura di alici.

Preparare l’impasto disponendo la farina a fontana sulla spianatoia con le uova, il cucchiaio d’olio e un pizzico di sale al centro, poi, aiutandosi con una forchetta, rompere le uova e radunare la farina fino a formare un impasto molle: a questo punto lavorare con le mani, fino a formare una palla liscia ed elastica. Coprire con la pellicola e lasciar riposare sulla spianatoia per almeno mezzora.

Nel frattempo, preparare il ripieno: mondare le cime di rapa eliminando i gambi e separare le foglie dalle infiorescenze. Lavare bene e mantenere separato, sbollentare e strizzare le foglie e farle saltare in poco olio extravergine con uno spicchietto d’aglio, poi frullarle ed unirvi la ricotta, il Pecorino Romano grattugiato, la colatura di alici, poco sale e pepe macinato al momento.

Per il condimento usare le infiorescenze saltate a crudo in 4 cucchiai di olio extravergine, aglio e peperoncino, unire 3-4 filetti di acciuga e due cucchiai di colatura di alici a fine cottura e tenere in caldo nella padella saltapasta.

Una volta riposata la pasta e preparato il ripieno, stendere la sfoglia sulla spianatoia infarinata aiutandosi col matterello o con la macchinetta per la pasta. Con un coppa-pasta tondo di 5-6 cm di diametro, ritagliare nella pasta dei dischi e porre un cucchiaino dell’impasto nel centro di ciascun disco. Bagnare appena il dito indice e passarlo lungo il bordo, piegare a metà per ottenere delle mezzelune, eliminare l’aria facendo combaciare i bordi e premere coi rebbi di una forchetta. Cuocere pochi ravioli per volta in una casseruola larga in acqua salata con l’aggiunta di un cucchiaio di olio per circa 3-4 minuti, poi tenere in caldo nella padella saltapasta con il condimento preparato.

Servire immediatamente belli caldi!

Enjoy!!

Ravioli di cime di rapa

Ravioli di cime di rapa

Crostata al cocco con confettura di pere allo zafferano Leprotto
Crostata alla lavanda e crema di arancello
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.