Cosa bolle in pentola?

Ingredienti per 6 persone: 500 g di eliche Gerardo di Nola, 300 g di burrata, una ventina di pomodorini confit, due acciughe sottolio, uno spicchio d’aglio, una decina di foglie di basilico, 100 g di mozzarella di bufala, olio extravergine di oliva, sale, pepe nero macinato al momento.

Preparare in anticipo i pomodorini confit: trattandosi di pomodori ciliegini, il tempo in forno è ridotto a poco più di un’ora. Tirare fuori dal frigo la burrata e la mozzarella, almeno un paio d’ore prima del servizio, mettere la burrata nel bicchiere del frullatore ad immersione aggiungere  ml di un ottimo olio extravergine di oliva e ridurre in crema. Inserire le foglie di basilico in un altro bicchiere e frullarle con altro olio extravergine di oliva, fino ad ottenere un olio verde. In un’ampia padella antiaderente, rosolare uno spicchio d’aglio mondato e privato del centrale, farvi sciogliere le acciughe a fuoco basso, poi unire i pomodorini confit e insaporirli per qualche minuto. Cuocere la pasta molto al dente in abbondante acqua salata e finire la cottura in padella, aggiungendo alla crema di burrata dell’acqua di cottura e versando anche questa nella padella. Al momento di servire, disporre nei piatti e guarnire con cubetti di mozzarella e con l’olio al basilico.

 

Nella foto padella antiaderente a due manici Berghoff della linea Zeno.

Spezzatino di vitellone al profumo di arancia con sale speciale aromatizzato con arancia e zenzero, preparato dallo chef Enrico Fiorentini
Totano ripieno al profumo d’arancia su crema di asparagi bianchi di Castelfranco
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.