Cosa bolle in pentola?

Non appena li vedo sugli scaffali del supermercato o sui banchi del mercato non resisto, devo acquistare gli agretti, altrimenti chiamati barba di frate, anche se il tanto tempo che impiego ad eliminare le radici talvolta mi blocca un po’…

Questa volta ho voluto farne un condimento per la pasta, erano piccoli e delicati e l’abbinamento con il guanciale ed il pecorino ha dato la giusta grassezza e sapidità al piatto.

Ho scelto i tajerin perché sono sottili come gli agretti, e ben vi si accompagnano come forma, ma qualsiasi pasta lunga va sicuramente bene!

Ingredienti per 4 persone: 200 g di tajerin piemontesi secchi, 100 g di agretti, 60 g di guanciale, Pecorino Romano DOP, pepe nero in grani, sale.

Sbollentare gli agretti per 3-4 minuti (nel caso siano molto sottili, poco di più se sono più grandi) in acqua salata, scolare e tenere da parte.

Affettare il guanciale a striscioline e rosolarlo in un wok, toglierlo una volta croccante e tenerlo da parte. Cuocere la pasta in acqua leggermente salata per un paio di minuti, poi metterla nel condimento nel wok, aggiungere gli agretti a ciuffetti e mescolare per distribuire il condimento, poi unire il guanciale croccante ed una generosa grattugiata di pecorino. Distribuire nei piatti e condire con pepe macinato al momento.

Enjoy!!

Tajerin piemontesi con agretti e guanciale

Tajerin piemontesi con agretti e guanciale

Filetti di orata con peperoni e pomodorini
Riso Carnaroli autentico con cime di rapa e colatura di alici
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.