Cosa bolle in pentola?

Gli ultimi scampoli di un settembre pur capriccioso ci invogliano a gustare ancora i sapori estivi e cosa li ricordano meglio se non le melanzane, i pomodorini, i capperi e dell’ottima pasta? Quello che mi piace è l’insieme di sensazioni che questa ricetta ci regala: evoca profumi, aromi, ricordi di vacanze siciliane, del mare e dei paesaggi, comprende tutto quanto la nostra esperienza di vita ci porta a conoscere della Sicilia.

Mafalde al pesto delle Eolie

Mafalde al pesto delle Eolie

Ingredienti per 6 persone: 500 g di mafalde, 400 g di pomodorini Pachino, 2 melanzane grosse tagliate a dadini, 180 g di tonno sottolio, una manciata di capperi sottosale, 1 spicchio d’aglio, 1 mazzetto di prezzemolo, 1 mazzetto di basilico, olive nere snocciolate, 5 cucchiai di pangrattato, 3 cucchiai di mandorle tritate grossolanamente, poco peperoncino macinato, olio extravergine di oliva, olio di arachide per friggere, sale e pepe nero in grani.

Mettere le melanzane a dadini in una ciotola con acqua salata per una mezzora, poi scolarle, asciugarle e friggerle nell’olio di arachide, facendole dorare bene. Scolarle nella carta assorbente. In una capiente zuppiera mettere i pomodorini tagliati in quattro, conditi con olio, sale e pepe, il tonno sott’olio spezzettato, l’aglio pelato e inciso, un trito di prezzemolo e basilico, i capperi precedentemente dissalati in acqua corrente e ben asciugati e infine le olive tritate grossolanamente e le melanzane fritte. Cuocete la pasta, scolarla e condire col pesto preparato mescolando bene ed aggiungere il peperoncino a piacere.

Al momento di servire aggiungete il pangrattato tostato a secco in padella e le mandorle pelate, tostate e tritate, o, in mancanza di queste, pinoli.

Questa profumata ricetta è tratta dal libro su storie e cucina siciliana “A tavola con Yasmina” (Oscar Mondadori) del quale il celebre romanziere Andrea Camilleri ha detto: “Mi viene da dire, leggetelo, certo, ma anche assaggiatelo e gustatelo!”.

Enjoy!!

Mafalde al pesto delle Eolie

Mafalde al pesto delle Eolie

Pad Ka Prao Gai
Sformatini di ricotta, zucchine e fiori
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.