Cosa bolle in pentola?

Tre serate organizzate nella città meneghina hanno offerto l’opportunità alla Regione Molise e all’Unioncamere Molise di promuovere e superare i confini territoriali, facendosi apprezzare dal pubblico e dagli operatori del settore.
Le prime due serate si sono svolte presso la Scuola de La Cucina Italiana: divisi in squadre, i partecipanti si sono sfidati in duelli culinari.
La Signora dei Fornelli, con la sua brigata “Agnone”, ha vinto la prima serata, con i passatelli (pasta fatta in casa) al sugo di pomodoro e ventricina, un salume tipico. Il giudice è stato lo chef Massimo Talia, del Ristorante Sveva di Termoli.

La brigat "Agnone" per #Moliseterradeccellenze

La brigat “Agnone” per #Moliseterradeccellenze

L’ultima serata è stata organizzata nella struttura Presso dove la critica gastronomica Roberta Schira ha creato un itinerario guidato per apprezzare al meglio le eccellenze molisane.
Olio dei Fratelli Picanza, formaggi e latticini del caseificio Barone, pasta dell’Antico Mulino del Sannio e Camp’Oro, conserve e paté a base di ortaggi delle Società Agricole Marina Colonna e Pignatelli, tartufo fresco e lavorato del Centro Tartufi e vino delle Cantine di Lisio e Angelo D’Uva sono stati gustati sia freschi che trasformati in piatti gustosi.
Il Molise ha saputo davvero conquistare Milano con prodotti di ottima qualità e la ricchezza delle sue tradizioni,ha utilizzato l’eco del cibo e la sua valenza culturale e conviviale per creare un ponte verso il territorio molisano, una regione meravigliosa, per molti ancora da scoprire.

Testo

di Mariagrazia Francia

Lo chef Massimo Talia del ristorante Sveva di Termoli assaggia i piatti partecipanti alla gara

Lo chef Massimo Talia del ristorante Sveva di Termoli assaggia i piatti partecipanti alla gara

Tortino di pasta biscuit al cocco con zabajone all’arancia
Riso Carnaroli autentico con ragù di coniglio alla salvia e crema di peperoni rossi
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.