Cosa bolle in pentola?

Ingredienti per 8 persone: circa 500 g di pesce spada, un uovo o due albumi, 2 pomodorini Pachino, 80 g di formaggio pecorino siciliano di media stagionatura, 60 g di parmigiano reggiano, un cucchiaio di capperi sottosale di Pantelleria, due cucchiai di pistacchi di Bronte spellati, pane grattugiato, due spicchi d’aglio, olio extravergine di oliva, un pizzico di origano, prezzemolo e basilico tritati, sale, pepe bianco macinato al momento, 8 tegliette monoporzione a forma di conchiglie o conchiglie di capesante vuote.

Spellare e tagliare a cubotti il pesce spada, e cuocerlo in padella con uno spicchio d’aglio in camicia leggermente schiacciato, pochissimo olio extravergine ed i due pomodorini Pachino tagliati in 4 per pochi minuti, salare e pepare. Trasferire le fette di spada in una ciotola e schiacciarlo con i rebbi di una forchetta fino a ridurlo in una composto irregolare. Amalgamarvi l’uovo o gli albumi, il Pecorino ed il Parmigiano Reggiano grattugiati con Gratì Ariete, le erbe aromatiche, i capperi dissalati tritati e un poco di pangrattato casalingo fatto leggermente tostare in un padellino con olio extravergine profumato da uno spicchio d’aglio in camicia. Regolare il sale, pepare poi suddividere il composto in otto tegliette monoporzione. Tritare i pistacchi e amalgamarli al restante pangrattato e distribuirlo sulle conchiglie. Far cuocere in forno per una decina di minuti a 180° facendo gratinare la superficie delle conchiglie sotto il grill per gli ultimi 2-3 minuti. Servire ancora caldissime.

 

 

Timballo di aneletti alla siciliana
Fusilli di kamut con ceci, cozze e tonno fresco
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.