Cosa bolle in pentola?

Quale modo migliore per festeggiare la festa di Halloween di un gustoso filetto irlandese al sangue (medium rare) con dell’italianissimo lardo alle erbe? Forse non tutti sanno che la festa più “sanguinosa” dell’anno Halloween deriva infatti da un’antichissima celebrazione celtica per la fine dell’estate, lo Samhain, che segnava sia la fine del raccolto sia il giorno dei morti. La festa era caratterizzata dal colore arancio, che ricordava la mietitura, e dal nero, che simboleggiava l’imminente buio dell’inverno. Anche le zucche decorative sono legate ad un’antica leggenda irlandese, quella di Jack o’lantern, un personaggio che si tramanda vagasse in cerca di un rifugio con la sua lanterna ogni anno proprio durante la notte di Halloween.

Ecco come abbiamo cucinato il nostro filetto:

Ingredienti per 4 persone: un filetto di manzo irlandese di 800 g circa, 8 fettine di lardo alle erbe, una noce di burro chiarificato, 6 rametti di timo fresco, sale e pepe nero in grani.

Eliminare il grasso e le nervature dal filetto e dividerlo in 4 fette regolari (di circa 3 cm di spessore). Sfogliare il timo e cospargervi entrambi i lati del filetto, disporre 2 fettine di lardo intorno a ciascuna fetta e legarle con lo spago da cucina. Scaldare una padella antiaderente, fondervi il burro chiarificato, e cuocere da un lato per 4 minuti, poi girare, salare e cuocere l’altro lato per 3 minuti, poi coprire con foglio di alluminio per un paio di minuti, raccogliere succhi e fondo di cottura ed emulsionarli velocemente con 10 g di burro fresco e pochissima maizena. Nappare il filetto con la salsa e servire immediatamente accompagnando con patate arrostite e piselli al prosciutto oppure altri contorni a propria scelta.

Asià in umido
Riso, torrone e melagrana
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.