Cosa bolle in pentola?

Abbiamo già parlato di questo pesce in un’altra ricetta; per riassumere, si tratta di un pesce osseo, molto primitivo, dal corpo asimmetrico ed entrambi gli occhi da uno stesso lato, che vive nell’Atlantico lungo le coste africane. È parente stretto del rombo chiodato, presente nei nostri mari.

Ancora una volta, per proteggere le carni bianche tenere e delicate, abbiamo creato una crosta, ma ecco gli ingredienti!

Ingredienti per 3 persone: 450 g di filetti di rombolino, 100 g di cous cous precotto medio, 100 ml di brodo vegetale, 4 cucchiai di salsa di soya, paprika dolce, olio extravergine di oliva, timo serpillo, erba cipollina, prezzemolo, una decina di pomodorini di Pachino, sale e pepe bianco in grani.

Scaldare il brodo e versarlo in una ciotola con il cous cous e 5 cucchiai d’olio extravergine. Coprire con la pellicola e lasciar idratare per 20 minuti. Passato il tempo, sgranare con le mani ed unirvi le erbe aromatiche tritate grossolanamente, un cucchiaino di paprika in polvere, la salsa di soya ed una generosa macinata di pepe.

Disporre un foglio di carta forno su una teglia, stendervi circa metà del cous cous condito, coprire con i filetti di pesce  e ricoprire con l’altro cous cous. Tagliare i pomodorini e disporli sopra il cous cous, salare, condire con un filo d’olio ed infornare a 175° per 20 minuti.

Dividere nei piatti e guarnire con le erbe aromatiche utilizzate.

Enjoy!!

Rombolino in crosta di cous cous alle erbe aromatiche

Rombolino in crosta di cous cous alle erbe aromatiche

Movimento Turismo Vino - Cantine Aperte 2019
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.