Cosa bolle in pentola?

Ingredienti: 250 g di chitarrone all’uovo Verrigni, 350 g di baby zucchine (alcune col fiore), 250 g di mazzancolle senza testa, 2 bustine di zafferano, 1 spicchio d’aglio, vino bianco secco, olio extravergine di oliva, sale e pepe in grani.

Tagliare a rondelle le zucchine dopo averle lavate e separate dai fiori, saltarle in un’ampia padella antiaderente, facendole rosolare velocemente a fuoco alto, saltandole di frequente. Una volta cotte, unire i fiori tagliati in 4 e lasciare che si cuociano nella padella calda. Sgusciare le mazzancolle, inciderne il dorso per eliminare il budello, tagliarli a metà e saltarli in una padella piccola con 1 spicchio d’aglio in camicia schiacciato. Sfumare con un dito di vino bianco ed aggiungere alle zucchine. Cuocere la pasta per i 3 minuti indicati (rimarrà molto al dente) e scolarla tenendo da parte un mestolo di acqua di cottura in cui andrà sciolto lo zafferano. Saltarla nella padella per un altro minuto con l’acqua tenuta da parte e servire immediatamente.

Consiglio di abbinarvi un Pigato Biologico dell’Azienda Biologica Vio di Albenga

 

Intervista a Maria Elisabeth Probst, chef del Ristorante La Tenda Rossa
Cheesecake salata al gorgonzola con gherigli di noci
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.