Cosa bolle in pentola?

Infine raccontiamo della lezione di Chiara Patracchini, alla quale è stato consegnato, da parte di Zafferano 3 cuochi, il premio per il miglior chef pasticcere per il 2012. Chiara si occupa dei dessert presso il ristorante La Credenza, nel Canavese, (una stella Michelin) da quando ha finito la scuola alberghiera, sostituendo lo chef Igor Macchia quando questi è impegnato all’estero. Al suo timido ingresso in una brigata di cucina, mondo prettamente maschile, il suo carattere, la costanza, lo spirito di squadra e l’affiatamento che si sono venuti a creare l’hanno sostenuta nella decisione di proseguire questo lavoro così appassionante. Il video di presentazione della chef è stato il più originale del congresso: nelle vesti di una novella maghetta, con un mestolo al posto della bacchetta magica, Chiara ha divertito la platea giocando con uova e farina, smitizzando il ruolo dello chef e creando piatti gustosissimi. Ritiene che la tradizione porti all’innovazione, al gusto ed alla sostanza. Schiva ma determinata, molto legata agli ingredienti della “sua” campagna piemontese, che rispetta in modo quasi estremo, la quasi trentenne Chiara, sostiene che nei piatti che prepara non possono mai mancare quattro elementi per lei essenziali per un buon risultato della ricetta: la consistenza, la croccantezza, la cremosità e l’acidità. Le sue proposte, fatte di verdure appena dolci, di latte di capra e di ricotta hanno stupito e colpito la platea.

Doriana Tucci

Patate Vitelotte con insalata di baccalà
Ancora Identità Donna: Antonia Klugmann
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.