Cosa bolle in pentola?

Una verdura poco diffusa, gli agretti, che può piacere poco per l’odore che emette durante la pur brevissima cottura. È una pianta annuale succulenta che forma piccoli cespugli ed è conosciuta soprattutto in Italia, particolarmente in Sicilia e in Italia centrale, e in Spagna, dove in passato veniva maggiormente coltivata. Ora è diffusa anche sulla costa atlantica europea e in California dove, grazie ai terreni particolarmente salini, molto graditi a questa pianta, sta addirittura diventando invasiva.

La ricetta più semplice per gli agretti è bollirli in acqua salata per 3-4 minuti, scolarli e lasciarli raffreddare, poi condirli con olio extravergine e qualche goccia di succo di limone: sono davvero ottimi! Ma ecco una delle mie proposte che li rendono ancora più gustosi!

Ingredienti per 4 persone: 700 g di agretti, 5 filetti di acciughe sottolio, 2 spicchi di aglio bianco, olio extravergine di oliva, sale.

Mondare gli agretti dalla radice e lavarli molto bene, cambiando l’acqua almeno due volte. Al bollore versarli in pentola, come tutte le verdure si ridurranno molto, ma attenzione a non stracuocerli, basteranno un paio di minuti. Scolarli e metterli in una padella con due spicchi d’aglio schiacciati e rosolati con 3 cucchiai di olio extravergine ed i filetti di acciuga. Mescolarli un paio di minuti per farli insaporire, poi servire per accompagnare pesce o altre verdure.

Enjoy!!

Agretti aglio, olio e acciughe

Agretti aglio, olio e acciughe

Pollo thai al curry verde
Crostata integrale alle albicocche caramellate con crumble
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.