Cosa bolle in pentola?

La soupe à l’oignon, un classico della cucina francese, rivisitato con ingredienti italiani: un ottimo Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi e della scamorza affumicata. Si può gratinare secondo la ricetta originale, ma anche servire direttamente nei piatti fondi, con il pane tostato tagliato a cubetti, a voi la scelta!

Ingredienti per 6 persone: 5 cipolle medie, 120 g di formaggio Gruyère grattugiato, 50 g di Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato, 6 fette sottili di scamorza affumicata, 60 g di burro, 1,300 litri di brodo vegetale (eventualmente preparato con Cuore di brodo), ½ cucchiaino di Maizena, 6 fette di pane tostato, noce moscata, sale e pepe bianco in grani.

Mondare e tagliare le cipolle a fette sottilissime. Far sciogliere il burro a fuoco molto basso ed aggiungere le cipolle, mescolarle e cuocere finché le cipolle cominciano ad imbiondire. Spolverarle con la Maizena e versarvi il brodo vegetale. Non salare prima che le cipolle siano ben cotte, dopo 25-30 minuti, altrimenti si rischia di preparare un piatto troppo salato. Servire in terrine da forno individuali, disponendo in ciascuna una fetta di pane tostato, abbondante formaggio grattugiato e riempiendole con la zuppa di cipolle bollente. Non appena il pane salirà in superficie, cospargere con altro formaggio e coprire con la fettina di scamorza, poi infornare e mettere a gratinare in forno caldo per una decina di minuti, finché sia ben dorata.

Petto di pollo all’arancia di Sicilia
#SheratonWineTravel: la Valtellina incontra il Trentino
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.