Cosa bolle in pentola?

Ottima alternativa molto germanica agli Spätzle bianchi. La birra regala un gusto particolare, aromatico, secondo il tipo di birra che viene utilizzato. In questo caso, si tratta di una birra rossa corposa. Sono adatti per accompagnare come contorno piatti ricchi come il goulasch, come nella foto, ma anche pesce o verdure in umido dal sapore importante.

Per prepararli si utilizza lo Spätzlehobel, una grattugia sulla quale scorre un recipiente che versa l’impasto dai fori facendolo cadere direttamente nell’acqua di cottura, cui suggerisco di aggiungere un cucchiaio d’olio di oliva. Si possono condire con dell’erba cipollina fresca tritata al coltello, ma nella nostra ricetta abbiamo utilizzato del Goulasch.

Ingredienti per 6 persone: 400 g di farina 00, 3 uova, 300 ml di birra rossa, sale, pepe.

Mescolare gli ingredienti, partendo da quelli liquidi, ed aggiungere la farina poca alla volta. La pastella che si otterrà deve essere abbastanza fluida da cadere pesante dal mestolo, in modo da passare attraverso i fori della grattugia.

Lasciar riposare per mezz’ora, poi versare un mestolo di impasto nel contenitore sulla grattugia posizionata sopra una pentola di acqua salata bollente. Far cadere le gocce di impasto muovendo il contenitore avanti e indietro. Scolare gli Spätzle con una schiumarola quando salgono a galla e trasferirli in una ciotola con poco burro fuso caldo.

Condire a piacere.

Enjoy!!

Spätzle alla birra con goulasch

Spätzle alla birra con goulasch

Arista di maiale con arance e speck
Crema di broccolo romanesco con nastri di calamaro
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.