Cosa bolle in pentola?

Sono stata invitata a proporre una o due ricette con i prodotti cremonesi e quali meglio dei formaggi e salumi locali? Stavolta si parte dal Salva Cremasco DOP, che si trova sul mercato sia fresco, sia stagionato e che ha una lunga storia alle spalle, pare che addirittura il Colleoni, capitano generale della Serenissima, nel 1466 ne ricevesse delle forme in omaggio.
A me un produttore di Salva alcuni anni or sono ha raccontato una storia sicuramente romanzata, ma credibile: la particolare forma del formaggio, somigliante ad un mattone, veniva fatta in tal modo per salvare la produzione casearia dalle razzie dei Lanzichenecchi, perché venivano inserite nei muri dei casali al posto di veri mattoni e in questo modo il formaggio veniva “salvato”! Che sia vera o no, il nome deriva sicuramente dal fatto che i casari cremonesi salvavano l’eccesso di produzione di latte, trasformandolo in questa specie di stracchino stagionato, e così si è tramandato fino ad oggi!
Come dice il disciplinare del Consorzio, “Il Salva, di forma parallelepipeda quadrangolare, ha consistenza tendenzialmente compatta, friabile, più morbida nella parte immediatamente sotto la crosta per effetto della maturazione prettamente centripeta. Di colore bianco tendente al paglierino con l’aumentare della stagionatura, il sapore della pasta è aromatico ed intenso con connotazioni più pronunciate con il trascorrere della stagionatura.”
Ingredienti per 4 persone: 4 uova intere, 6 zucchine baby con il loro fiore, 80 g di Salva Cremasco DOP stagionato, 150 ml di latte intero oppure metà latte e metà panna liquida, maggiorana, timo e origano freschi, olio extravergine di oliva, sale, pepe bianco in grani.
Mondare le zucchine eliminando le estremità e tagliare a dadini. Cuocere in una padella con un filo d’olio extravergine e un pizzico di sale. Spegnere e unire i fiori tagliati a striscioline. Tenere da parte.
Aprire le uova in una boule e batterle con latte e panna, poi unirvi il formaggio grattugiato grossolanamente o a dadini piccolissimi. Unirvi le zucchine ed i fiori intiepiditi e condire con sale e una macinata di pepe.
Distribuire nelle cocottine individuali unte con olio extravergine e cuocere in forno preriscaldato a 185° per mezzora circa, insieme ad una cocottina riempita di sola acqua. Sformare sui piatti individuali e guarnire con le erbe aromatiche usate nel ripieno.
Enjoy!!

Sformatino di Salva Cremasco DOP, baby zucchine e fiori

Sformatino di Salva Cremasco DOP, baby zucchine e fiori

Riso Carnaroli autentico integrale con pollo grigliato, Salva Cremasco DOP, prosciutto e verdure
Calamarata con ciuffi di calamaro e pomodorini arrostiti
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.