Cosa bolle in pentola?

Il sale di Cervia è da sempre conosciuto come un sale dolce, non perché sali di meno, ma per una limitata presenza dei sali amari, come i solfati di magnesio, di calcio, di potassio e il cloruro di magnesio, cioè quelle sostanze, per lo più insolubili, che danno al sale quel retrogusto amarognolo poco gradito al palato. Viene proposto anche con erbe aromatiche di Romagna, per carne o per pesce e verdure ed è particolarmente apprezzato per le sue caratteristiche. In questa ricetta lo utilizziamo per condire delle seppie gratinate rendendo molto gustoso e saporito un piatto così semplice e leggero!

Ingredienti: 600 g di seppie medie già pulite, 120 g di pane bianco in cassetta, 2 spicchi d’aglio, 5-6 rametti di prezzemolo, un pezzetto di peperoncino fresco, sale di Cervia alle erbe aromatiche per il pesce, olio extravergine di oliva, 20 ml di vino bianco secco.

Scegliere delle seppie di forma regolare, più o meno della stessa grandezza, lavarle, asciugarle e disporle in una teglia coperta di carta da forno. Preparare il ripieno tritando il pane con l’aglio, il prezzemolo ed il peperoncino, bagnarlo col vino e due cucchiai d’olio extravergine e disporlo nelle seppie. Condire con un filo d’olio ed infornare per 20 minuti in forno ventilato a 180°. Servire caldo.

Seppie ripiene gratinate

Seppie ripiene gratinate

Cestini con crema di funghi cardoncelli
Lasagne con carciofi e pancetta
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.