Cosa bolle in pentola?

Ingredienti per 8 persone: farina 00 300 gr, farina di grano duro 100 gr, 4 uova fresche intere, 2 bustine di nero di seppia o 2 vesciche di nero di seppia fresco, 2 patate bollite, 100 g di ricotta fresca vaccina, 2 moscardini, 200 g di mazzancolle già pulite, 1 scalogno, 1 spicchio d’aglio in camicia, 10 mezzi pomodori confit, peperoncino, olio extravergine di oliva, prezzemolo tritato, sale e pepe nero.

 

Preparare la pasta coi primi 4 ingredienti ed un pizzico di sale fino, lavorandola a lungo e stendendola a strisce sulla spianatoia infarinata. Quando è ben liscia, formare una palla e avvolgerla nella pellicola. Nel frattempo preparare il ripieno, schiacciando le patate con sale e pepe e aggiungendo la ricotta, formando un composto omogeneo e abbastanza solido. Rosolare l’aglio in camicia insieme allo scalogno mondato e tritato in una padella ampia antiaderente con olio extra vergine di oliva e un peperoncino intero, senza  far colorire troppo, aggiungervi i moscardini tagliati a pezzetti, i pomodori confit, far cuocere un paio di minuti poi versare il vino, farlo sfumare ed abbassare la fiamma. Verso fine cottura aggiungere le mazzancolle già sgusciate e tagliate in 2 o 3 pezzi. Quando i moscardini sono teneri, aggiustare di sale e spegnere. Con un coppapasta tagliare dei tondi nella pasta stesa non troppo sottile, riempirli di ripieno e sigillarli spennellando con poca acqua sui bordi. Cuocere i ravioli in abbondante acqua bollente salata lasciandoli leggermente al dente per finire la cottura nella padella con il sugo di moscardini, eventualmente aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura. Spolverare con prezzemolo tritato e servire immediatamente.

Ravioli verdi ripieni di piselli, rivisitazione di una ricetta dello chef Matias Perdomo
Club sandwich di pane integrale con tonno e burro all’acciuga
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.