Cosa bolle in pentola?

La mia fonte è sempre l’ottimo libro dell’amica Vatinee Suvimol, La mia storia Thai, e l’occasione un corso di cucina etnica con un piatto Thai scelto dalla signora appassionata di Oriente. In questa ricetta, considerando l’invasione dei supermercati e la scarsità di materia prima, ho utilizzato il vitello, carne più delicata del maiale e comunque l’unica che ho trovato sugli scaffali svuotati. Ho avuto poi la conferma da Vaty che anche lei spesso la utilizza, così mi sono sentita rinfrancata!

Questo piatto è diffusissimo in Thailandia, sia come street food e nei ristoranti e oltre alle verdure indicate nella ricetta, se ne possono utilizzare molte altre, mentre l’elemento più importante è il peperoncino, molto peperoncino, o anche una pasta piccante già pronta, da trasformare in una deliziosa salsina.

Vista la mia costante ricerca di ingredienti italiani per sostituire ingredienti coltivati all’estero, ho scelto un riso biologico coltivato dall’azienda vercellese Zaccaria: in questo caso il Selenio, col chicco tondeggiante, adatto a piatti etnici, mentre per sostituire l’indiano Basmati vi propongo il loro Armonia, profumato e anche in versione integrale.

Ecco come l’abbiamo preparata!

Ingredienti per 3 persone: 380 g di carne di vitello macinata oppure tagliata a striscioline, 5 cucchiai di olio di semi di arachide, 1-2 spicchi d’aglio, 8 funghi champignon, 80 g di spinacini, 4 cucchiai di salsa di pesce, 3 cucchiai di salsa di soya o Teriyaki, 1 cucchiaio colmo di zucchero, 1-2 peperoncini freschi o secchi, basilico thai; riso Selenio bollito.

Marinare la carne per una decina di minuti con un cucchiaio di salsa di pesce e 1 cucchiaio d’olio. In una padella scaldare il restante olio con uno spicchio d’aglio e il peperoncino e far rosolare a fuoco vivace.

Unire la carne scolata e i funghi tagliati grossolanamente e versarvi i restanti 2 cucchiai di salsa di pesce e la salsa di soya. Aggiungere anche lo zucchero e cuocere a fiamma alta. Alla fine, unire gli spinacini lavati e sgrondati e proseguire la cottura per un paio di minuti.

Anche il basilico thai (Kad Pra) è difficile da reperire, ma qualche foglia del nostro, e degli spinacini freschi sono stati sufficienti a dare colore e sapore a questa pietanza!

Servire con una ciotola di riso bianco a persona.

Enjoy!!

Pad Ka Prao Moo, un piatto Thai

Pad Ka Prao Moo, un piatto Thai

Gnocchetti di melanzane con rana pescatrice e bottarga
Focaccia barese
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.