Cosa bolle in pentola?

Ai primi di luglio, il Movimento Turismo Vino ha organizzato una crociera su una stupenda barca a vela, la Nausicaa, comandata da Giovanni Aliverti, uno skipper di provata esperienza, veleggiando per le coste dell’arcipelago toscano. Avrei voluto partecipare anche io a Vela e Vino, come “cuoca di bordo” ma, ahimè, per motivi personali, ho dovuto rinunciare… senza però fare a meno di fornire il mio contributo culinario!

Grazie a sponsor amici, produttori di comprovata qualità, eccomi a proporre uno dei piatti più interessanti!

Conchiglie Felicetti al nero di seppia con mazzancolle e calamari saltati

Conchiglie Felicetti al nero di seppia con mazzancolle e calamari saltati

Ingredienti per 6 persone: 500 g di Conchiglie al nero di seppia Felicetti, 400 g di mazzancolle sgusciate, 1 calamaro di circa 500 g, aglio fresco in camicia, 1 scalogno piccolo, prezzemolo fresco, olio extravergine di oliva, peperoncino fresco, sale.

Mondare e lavare il calamaro, tagliarlo a striscioline e tenerlo da parte. Eliminare il filamento scuro dalle mazzancolle. Schiacciare uno spicchio d’aglio in camicia e saltare le mazzancolle con mezzo peperoncino secco sbriciolato e 2 cucchiai d’olio extravergine per un paio di minuti, sfumare con un dito di vino bianco e lasciarlo evaporare. Tenere da parte. Affettare sottile lo scalogno e rosolarlo con lo spicchio d’aglio leggermente schiacciato in 5 cucchiai di olio extravergine nella stessa padella. Saltarvi i calamari per 5-6 minuti, sfumare anche questi con il vino bianco, cuocere per non più di 8 minuti, altrimenti il calamaro diventa gommoso e duro!

Poco prima di servire in tavola, assemblare gli ingredienti in una padella saltapasta, ed unirvi le conchiglie cotte al dente. Spolverare con prezzemolo tritato e servire immediatamente.

Enjoy!!

Conchiglie Felicetti al nero di seppia con mazzancolle e calamari saltati

Conchiglie Felicetti al nero di seppia con mazzancolle e calamari saltati

Piatti Easylife Italy, gentilmente concessi da Presslink Milano.

Cipolla rossa di Acquaviva delle Fonti gratinata con pomodorini
Bavarese di melone al pepe nero con prosciutto Marco D’Oggiono: un finger per il Prosecco Superiore di Valdobbiadene DOCG
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.