Cosa bolle in pentola?

Ingredienti: 165 g di pane in cassetta senza crosta, 110 g di burro fuso, 35 g di parmigiano reggiano; 450 g di ricotta, 150 g di piselli sgranati o surgelati, 100 g di pecorino Fiore Sardo di media stagionatura, 100 ml di panna fresca, 50 g di fave sbucciate e private della pellicina interna, 50 g di spinaci lessati e strizzati, 50 g di agretti, 2 albumi montati a neve, 7-8 g di foglioline di maggiorana fresca, 1 cucchiaio di pistacchi sgusciati, 1 cucchiaio di mandorle a lamelle, burro per ungere la teglia, sale e pepe bianco in grani.

Tritare il pane in cassetta con il parmigiano reggiano ed aggiungervi il burro fuso. Formare un impasto e stenderlo sulla carta forno bagnata e strizzata stesa sul fondo imburrato di una teglia da 26 cm, e pressarlo per bene per compattarlo. Lo spessore non deve essere inferiore al centimetro. Mettere la teglia in frigorifero in modo che il burro possa raffreddarsi e creare un fondo solido e, nel frattempo, preparare il ripieno. Lessare per qualche minuto i piselli, lessare separatamente per 3 minuti gli agretti (o barbe di frate) e sbollentare le fave sempre in acqua salata, poi scolare. Tendendo da parte 3 o 4 cucchiai di piselli e fave per la decorazione, mettere il resto delle verdure nel bicchiere del frullatore ad immersione con la panna liquida, le foglioline di maggiorana, sale e pepe macinato al momento. Se necessario diluire con poca acqua di cottura. In una ciotola mettere la ricotta, il Fiore Sardo e le chiare montate a neve, amalgamare e poi mescolare delicatamente con gli altri ingredienti, in modo da ottenere un composto cremoso. Regolare sale e pepe. A questo punto preriscaldare il forno statico a 175°. Stendere il composto sulla base raffreddata, in modo che sia uniforme e cospargere con parmigiano grattugiato. Infornare per circa 35-40 minuti e quando la cheesecake è cotta, farla freddare completamente e metterla in frigo per almeno un paio d’ore, in modo che  possa ben compattarsi. Al momento di servire, decorare la superficie con i piselli e le fave lessati tenuti da parte e con i pistacchi tritati e le lamelle di mandorle oltre che di pepe a piacere.

Rana pescatrice in crosta di patate agli aromi
I Musei del Cibo a Parma
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.