Cosa bolle in pentola?

Ingredienti: un petto di pollo di circa 500 gr, una confezione di latte di cocco da 100 g, succo di 1 lime o di mezzo limone, timo, cocco grattugiato, sale e pepe macinato al momento, olio per frittura, pastella fatta con 4 cucchiai di farina, un cucchiaio di cocco grattugiato, una chiara d’uovo montata a neve e circa ml. 100 di acqua frizzante.

Tagliare il petto di pollo a bocconcini e metterli in una ciotola, versarci sopra il latte di cocco, il timo, il succo del lime, sale e di pepe, lasciandolo marinare per un’ora in frigo e rigirandolo una volta. Nel frattempo preparare la pastella: versare in una ciotola la farina e un pizzico di sale, unire l’acqua poca per volta, e amalgamare con la frusta. Alla fine aggiungere la chiara a neve ferma e mescolare con cura dal basso verso l’alto, fino a formare una pastella liscia e omogenea, non troppo liquida. Al momento di cuocerlo, asciugare il pollo con carta da cucina e immergerlo nella pastella, friggere i bocconcini in olio bollente per 5 minuti, rigirandoli per farli dorare in modo omogeneo. Scolarli sulla carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e servirli ancora caldi spolverati da farina di cocco.

Lasagne di pesce
Spaghetti di soya saltati con verdure
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.