Cosa bolle in pentola?

Partecipare al Tour Day a Pontremoli lo scorso ottobre è stata fonte di scoperte continue: stavolta vi presento le Barbotte di Acqua, Farina e Fantasia, dei dischi di pasta di grano, con fiori di zucca, che possono diventare un ottimo snack o addirittura una cena leggera.

Le barbotte sono delle focaccine senza lievito, cotte su piccoli testi arroventati, la cui versione più semplice sono i Panigacci. Leggermente scaldate, spalmate con cream cheese ed abbinate ad un ottimo salume o, ancor meglio, a salmone selvaggio affumicato, sono proprio gustose! Fin da ora possono essere acquistate direttamente su Amazon, semplificando di molto la loro diffusione al di fuori dell Lunigiana!

Barbotte di Pontremoli - Acqua, Farina e Fantasia

Barbotte di Pontremoli – Acqua, Farina e Fantasia

Il formaggio spalmabile Arla esiste in tre differenti versioni, naturale, light e senza lattosio, così da venire incontro alle più diverse esigenze. In questo caso abbiamo utilizzato la versione light, per eliminare grassi in eccesso.

Infine la scelta del salmone selvaggio non richiede spiegazioni: la carne del pesce in questo caso contiene pochissimi grassi ed è ancor più ricca di omega 3 e 6.

Ingredienti per 2 persone (come piatto unico) o per 4 (come antipasto): una confezione di Barbotte ai fiori di zucca, 100 g circa di cream cheese, 100 g di salmone selvaggio affumicato, pepe di Sichuan in grani.

Scaldare le Barbotte sulla griglia o nel tostapane, spalmarle di cream cheese, aggiungere il salmone selvaggio affumicato. Una macinata di pepe di Sichuan aggiungerà profumo e aromaticità al piatto.

Enjoy!!

Barbotte pontremolesi con cream cheese Arla e salmone selvaggio

Barbotte pontremolesi con cream cheese Arla e salmone selvaggio

Gnocchi di semolino ai funghi porcini gratinati al Comté
Antipasto mare e monti: dalla Puglia with love
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.