Cosa bolle in pentola?

Non compro quasi mai banane perché nessuno in famiglia ne è particolarmente appassionato, ma quando poi ci sono, puntualmente non trovo il tempo per preparare questo dolce molto anglosassone! E le banane vengono inserite in macedonie o mangiate di malavoglia… Ma stavolta, con la scusa di un ospite quasi a sorpresa, ecco qui la mia versione, arricchita da bacche di goji e da un ottimo succo di banana e kiwi biologico che ho appena scoperto!!

Ingredienti: 285 g di farina 00, 220 g di zucchero, 120 g di burro, 2 uova, 1 cucchiaino di lievito per dolci, 1 punta di cucchiaino di sale, 4 banane mature, 150 ml di succo di banana e kiwi, 1 cucchiaino di estratto di vaniglia, 2 cucchiai di bacche di goji.

Scaldare il forno statico a 180°. Setacciare la farina, il sale ed il bicarbonato in un’ampia boule. In un’altra boule, battere burro, zucchero e vaniglia finché siano belli gonfi e cremosi. Con il mixer frullare le uova, le banane e il succo, poi unire alla parte secca e alla fine unire le bacche di goji. Imburrare uno stampo da plum cake di cm 20 x 12.5 cm oppure uno quadrato da 18 cm e versarvi l’impasto. Trasferire in forno e cuocere per circa un’ora, o finché sia ben cresciuto e dorato. Estrarre dal forno e far raffreddare qualche minuto, poi togliere dalla teglia e porre su una gratella, dopo un’oretta servire su un piatto da portata.

Bananabread con bacche di goji

Bananabread con bacche di goji

Fusilli con agretti e salmone
Orecchiette con cime di rapa e cozze
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.