Cosa bolle in pentola?

Ingredienti per 4/5 persone: 1 kg di trippa mista oppure quella definita a Milano ‘chiappa’, 1 cipolla media, 1 carota, 1 gambo di sedano, olio extra vergine di oliva, concentrato di pomodoro, 2 o 3 pomodori freschi se disponibili, qualche fogliolina di menta, vino bianco secco, pecorino grattugiato, sale e pepe macinato al momento.
Bollire la trippa così come si acquista per mezzora in acqua salata con la pentola a pressione ed eventualmente una foglia di alloro, scolare e tagliare a listarelle non troppo lunghe. Nel frattempo tritare cipolla, carota e sedano, rosolarli in una casseruola capiente con un dito d’olio extra vergine. Cuocere per qualche minuto senza far dorare, aggiungendo un po’ d’acqua poi unirvi i pezzetti di pomodoro ed il concentrato. Mescolare bene, poi unire le listarelle di trippa, salare e spruzzare con un poco di vino bianco secco. A questo punto cuocere aggiungendo un po’ d’acqua, in modo che il piatto risulti ben cotto al momento di servirlo, ma non brodoso. Verso fine cottura (calcolare almeno un’altra mezzora) profumare con qualche fogliolina di menta fresca o secca e una bella macinata di pepe. Servire con pecorino romano grattugiato, se gradito.

Ingredienti per 4/5 persone: 1 kg di trippa mista oppure quella definita a Milano ‘chiappa’, 1 cipolla media, 1 carota, 1 gambo di sedano, olio extra vergine di oliva, concentrato di pomodoro, 2 o 3 pomodori freschi se disponibili, qualche fogliolina di menta, vino bianco secco, pecorino grattugiato, sale e pepe macinato al momento.

Bollire la trippa così come si acquista per mezzora in acqua salata con la pentola a pressione ed eventualmente una foglia di alloro, scolare e tagliare a listarelle non troppo lunghe. Nel frattempo tritare cipolla, carota e sedano, rosolarli in una casseruola capiente con un dito d’olio extra vergine. Cuocere per qualche minuto senza far dorare, aggiungendo un po’ d’acqua poi unirvi i pezzetti di pomodoro ed il concentrato. Mescolare bene, poi unire le listarelle di trippa, salare e spruzzare con un poco di vino bianco secco. A questo punto cuocere aggiungendo un po’ d’acqua, in modo che il piatto risulti ben cotto al momento di servirlo, ma non brodoso. Verso fine cottura (calcolare almeno un’altra mezzora) profumare con qualche fogliolina di menta fresca o secca e una bella macinata di pepe. Servire con pecorino romano grattugiato, se gradito.

Cassoeula
Gamberoni avvolti con prosciutto, lardo o speck
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.