Cosa bolle in pentola?

Ingredienti: 300 g di farina 00, 300 g di farina 0, 200 g di parmigiano reggiano, 150 g di emmenthaler, 180 g di pecorino romano, 200 g di strutto, 10 uova, 20 g di sale, 10 g di zucchero, 20 g di lievito di birra fresco, pepe in grani, burro per la teglia.

Mescolare le farine con il lievito, lo zucchero e lo strutto, aggiungendo le uova leggermente sbattute con sale e pepe. Impastare con cura ed unire parmigiano e pecorino grattugiati, poi lasciare lievitare coperto da un canovaccio pulito per un paio d’ore. Nel frattempo tagliare in cubetti piccolissimi l’emmenthaler, unirlo all’impasto, mescolando ancora con cura e far lievitare ancora per un’altra ora in luogo tiepido. Alla fine preparare una teglia rotonda alta, dal diametro di 26 cm, imburrarla e foderarla con carta da forno bagnata, strizzata e anch’essa imburrata. Disporvi l’impasto e preriscaldare il forno a 200°. Infornare per 40-50 minuti, controllare la cottura con uno stuzzicadenti e lasciar intiepidire in forno.

Si mangia tiepida la mattina di Pasqua o come antipasto del pranzo pasquale, con le uova sode, il salame corallina… e un buon bicchiere di vino!

(ricetta tratta dal Corriere della Sera di sabato, 30 marzo ’13)

Mezzi paccheri Le Gemme del Vesuvio con crema di spinaci e piselli e cappesante
Moscardini in salsa di capperi di Pantelleria
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.