Cosa bolle in pentola?

Ingredienti (per 4 persone): una dozzina di triglie oppure 24 filetti di triglia già pronti, 2 patate medie, pangrattato, olio extravergine di oliva, timo, qualche ago di rosmarino, sale e pepe macinato al momento; per guarnire pomodori datterini, rametti di prezzemolo. Utilizzare metà dose se proposto come antipasto.

Accendere il  forno a 180° e nel frattempo lavare le patate e sbucciarle. Affettarle a fette sottili regolari, di circa 2 mm. In una ciotolina versare 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, le foglioline di 3-4 rametti di timo, gli aghi del rosmarino e 3 pizzichi di sale. Lavare e asciugare i filetti di triglia, tagliare le patate a fette spesse circa mezzo centimetro, lavare e tagliare a metà anche i pomodori datterini. Sistemare il pesce e le verdure nella leccarda, ricoperta con carta da forno e spennellarli con l’olio aromatizzato al timo e rosmarino, poi cospargerli con un pizzico di pane grattugiato. Infornare per quindici minuti. Comporre la torretta con una fetta di patata gratinata, 2 filettini di triglia e così via… Decorare con i pomodori datterini gratinati oppure con foglioline di prezzemolo.

Vongole veraci e carciofi con zafferano e gnocchi di patate Vitelotte
Crema di peperoni al timo con gnocchi di patate vitelotte
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.