Cosa bolle in pentola?

La sezione Chef Vent’anni, che ha avuto luogo nella Sala Blu per tutto il primo giorno del congresso Identità Golose, ha presentato una serie di giovani chef italiani ed internazionali, che con la loro verve e creatività hanno incantato la platea. Quando Stevie Parle è salito sul palco, sembrava un tipico ragazzino inglese timido, ma pian piano il carattere determinato del giovane chef è venuto fuori. Chef-patron del The Dock Kitchen, sul Tamigi, non lontano dalla zona di Portobello, Stevie, con molta precisione, spiega la sua tecnica di cucina sperimentale che adatta il suo menu a quanto di meglio offre la stagionalità o ai  nuovi ingredienti che trova sul suo cammino di ricerca. L’idea di Parle non è quella di sperimentare per mesi un piatto prima di inserirlo nel menù ma di reagire spontaneamente a quanto i fornitori sono in grado di proporre, per questo il menù del suo ristorante cambia ogni due settimane.  La sua buona conoscenza delle tradizioni italiane, il suo interesse per le cucine e gli ingredienti orientali, dovuti non solo ai molteplici viaggi, ma anche all’esperienza fatta in ristoranti a Londra (The Riverside Café) e a New York (The Spotted Pig), hanno portato Stevie ad elaborare, adattare e ricreare piatti assolutamente originali. Durante la lezione ha preparato la sua rivisitazione dei ravioli gnudi, preparati bianchi e senza uovo, ricoperti di semola di grano duro e serviti con un filo di olio extravergine di oliva toscano, accompagnati da agretti, un piatto servito nel suo ristorante di Londra. Inoltre, Stevie preferisce utilizzare gli utensili originali per creare una connessione diretta con il paese dove questo cibo è nato ed ha presentato una sua versione di un piatto al curry dello Sri Lanka con riso pilaf, per il quale lui stesso ha pestato le spezie in un mortaio originale. Il suo motto? “We hope you enjoy our approach to food as much as we do”. (ci auguriamo che apprezziate il nostro approccio al cibo tanto quanto noi).

Doriana Tucci

Identità Donna – Viviana Varese
Arista di maiale laccata con miele e senape in crosta
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.