Cosa bolle in pentola?

Ingredienti per 4-6 persone: 6 sfoglie di pasta fresca all’uovo, già pronta, 1 burrata piccola, 6 cappesante, 50 g di pistacchi sgusciati, uno spicchio d’aglio, olio extravergine di oliva, brandy, 40 g di burro, sale e pepe bianco macinato al momento.

Pelare i pistacchi tuffandoli in acqua bollente per una decina di secondi e scolarli immediatamente, la pellicina verrà via strofinandoli fra le dita. Tritarli grossolanamente con un goccio di olio extravergine. Estrarre dal guscio i molluschi e sciacquarli velocemente, eliminando l’eventuale sabbia e tamponarli con carta da cucina. Rosolarli in olio extra vergine d’oliva riscaldato in precedenza con uno spicchio d’aglio in camicia schiacciato e poi eliminato, rigirandoli velocemente. Salare da entrambi i lati e sfumare con mezzo bicchierino di brandy, facendo evaporare la parte alcolica, pepare e tenere in caldo.  Sbollentare le sfoglie in acqua bollente salata addizionata di un paio di cucchiaiate di olio, per 2 minuti, poi scolare delicatamente con un ramaiolo e disporre su un tagliere. Dividerle a metà e disporne sei sulla leccarda o su una teglia ricoperta di carta-forno. Aprire la burrata e disporne un sesto nel centro di ciascuna delle sfoglie. Sopra la burrata disporre una cappasanta, con un poco del sughetto di cottura, un cucchiaino dei pistacchi tritati e una generosa spolverata di pepe. Coprire con l’altra sfoglia, disponendola in modo asimmetrico, e ricoprire con burro fuso. Infornare a 160° per 10 minuti e servire immediatamente dopo averlo spolverato di un trito di prezzemolo. Di sicuro qualcuno chiederà il bis!

Flan di carciofi
Gnocchi di patate - preparazione base
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.