Cosa bolle in pentola?

Ingredienti per 6 persone: 750-800 g di petto di tacchino, 6 carciofi, 2 spicchi d’aglio, due dita di vino bianco secco, olio extra vergine di oliva, sale e pepe bianco macinato al momento.

Per prima cosa mondare i carciofi, eliminando le foglie dure esterne, la parte dura del gambo ed incidendo le foglie nella parte inferiore, tagliando a spirale la parte dura ed eliminandola e lasciando la parte edule, fino a formare un tronco di cono. Dividere in spicchi sottili (circa 8 per ciascun carciofo), eliminando l’eventuale fieno interno, poi cuocere in una padella antiaderente dove siano stati rosolati gli spicchi d’aglio in camicia. Cuocere per un quarto d’ora circa, bagnando con poca acqua per permettere una cottura uniforme. Salare a fine cottura e tenere da parte. Tagliare il petto di tacchino a fettine sottili, dividendole a loro volta in striscioline. Nella stessa padella, aggiungendo altro olio extravergine, far cuocere a fuoco vivace le striscioline di carne, sfumando con vino bianco secco. Salare e pepare verso fine cottura. Poco prima di portare in tavola unire i carciofi alla carne e servire molto caldo.

 

Coscia di maiale in porchetta
Radicchio di Treviso e Puzzone di Moena con penne rigate Benedetto Cavalieri
Doriana Tucci

A proposito di Doriana Tucci

All’inizio di questa avventura, una cara amica ha avuto fiducia nelle mie capacità culinarie… Così ho gestito la pausa pranzo in un mercatino di beneficenza con grandi soddisfazioni! Poi è arrivato un corso professionale, una qualifica seria e un passaparola fra amici e conoscenti per il mio servizio di chef @ home. Il sito, nato grazie alla creatività di Michele, riceve ormai moltissime visite da internauti affezionati italiani e stranieri. Alcune amiche, appassionate di cibo e curiose del suo mondo, hanno cominciato a frequentare con me eventi e manifestazioni e la loro collaborazione si è rivelata preziosa. Daniela, giornalista freelance esperta di cucina, si è incaricata di scrivere le recensioni dei libri di argomento culinario che solleticavano la nostra curiosità. I corsi sono stati un’ovvia conseguenza, la passione per il cibo unisce e diventa esperienza condivisa. L’Associazione “La Signora dei Fornelli” è nata per diffondere sul nostro territorio la comune passione per la cucina, il buon cibo ed il buon vino, grazie anche alla collaborazione di Niccolò, il nostro sommelier AIS.